Area Abbonati
LoginPassword
DOI 10.1721/1095.12101 
GIFAC 2009;23(1):22-26





Per visualizzare il testo completo effettuare l'accesso


Rischio clinico in oncologia

Anna Bianca Calzona, Giovanni Guaranay, Gerardo Miceli Sopo, Grazia Mingolla, Roberto Tazza

RIASSUNTO: Secondo quanto è emerso dall’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) al primo posto tra le cause d’errore negli ospedali, si colloca, con un preoccupante 40%, la somministrazione di farmaci sbagliati.
Allo scopo di limitare questo rischio clinico in oncologia, nel Laboratorio Galenico della Farmacia Clinica dell’Ospedale Sandro Pertini è stato messo a punto un metodo di analisi e riduzione dell’errore.

Materiali e metodi. Nel suddetto laboratorio vengono allestite preparazioni oncologiche personalizzate per i pazienti dell’Ospedale Sandro Pertini, dell’Ospedale Israelitico e del Policlinico Universitario di Tor Vergata. Le prescrizioni utilizzate sono di due tipi: informatizzata e cartacea. Le prescrizioni sono state analizzate nella loro complessità e gli errori classificati in: maggiore, moderato, minore, trascurabile.

Risultati. Il periodo analizzato va dal 1 Gennaio 2007 al 31 Dicembre 2007, per un totale di 7039 prescrizioni cartacee e 6595 informatiche. Il 19,69% delle prescrizioni cartacee risultano errate e di queste il 49% è trascurabile, il 38% minore, il 3 % moderato e il 10% maggiore. Fra gli errori maggiori quello più frequente è l’errore di dose (5,7%). L’1,63% delle prescrizioni informatiche risultano errate: 6% trascurabile, 1% minore, 34% moderato, 59% maggiore. Fra gli errori maggiori quello più frequente è l’errore di dose (51%).

Conclusioni. Una accurata revisione delle prescrizioni e della gestione delle terapie, permette l'ottimizzazione nell'organizzazione di un servizio, in cui il farmacista è figura-chiave, efficiente in questa area di rischio con una significativa riduzione dell'errore.

Il Pensiero Scientifico Editore
Riproduzione e diritti riservati  |