Area Abbonati
LoginPassword
DOI 10.1721/1091.11991 
GIFAC 2010;24(1):11-18





Per visualizzare il testo completo effettuare l'accesso


Monitoraggio dell'impiego di Linezolid nell'azienda ospedaliera San Salvatore
di Pesaro

Elisa Zuccarini, Marco L.B. Rocchi

RIASSUNTO: Il lavoro riguarda l'analisi delle prescrizioni ospedaliere dell'antibiotico linezolid nell’Azienda Ospedaliera San Salvatore di Pesaro, dopo le limitazioni d'uso introdotte dall'AIFA (05.03.07). Il linezolid è indicato per il trattamento di polmonite nocosomiale o acquisita in comunità e
infezioni complicate della cute e tessuti molli causate da batteri gram-positivi sensibili. Materiali e metodi. La rilevazione è stata effettuata tramite u na scheda, appositamente redatta, che veniva compilata dal medico all'inizio della terapia con linezolid. A fine terapia il medico ha registrato nella cartella clinica del paziente le date di fine terapia, il tempo totale di
trattamento, la risposta clinica riscontrata e gli effetti collaterali. L'appropriatezza è stata analizzata considerando tutti i dati clinici e terapeutici raccolti per ciascun paziente.

Risultati. Sono stati trattati 41 pazienti per un totale di 65 prescrizioni. Il consumo di linezolid nel 2007 è diminuito del 12% rispetto al 2006. Questo apparente scarso impatto della raccomandazione AIFA, riflette il fatto che dal punto di vista della appropriatezza, nei due anni considerati le prescrizioni corrispondevano nel 60% dei casi alle linee-guida. In tutti i pazienti si sono verificate reazioni avverse, ma le più importanti sono state 6 casi di piastrinopenia grave e 5 casi di neuropatia ottica.

Conclusioni. Lo studio ha confermato l'importanza di effettuare un monitoraggio continuo delle prescrizioni dei farmaci innovativi e/o con limitazioni di uso sia per le opportune valutazioni di appropriatezza che di beneficio/rischio.

Il Pensiero Scientifico Editore
Riproduzione e diritti riservati  |